Accordo sul turismo tra Italia e Russia, ecco i dettagli del “Piano...

Accordo sul turismo tra Italia e Russia, ecco i dettagli del “Piano d’azione 2017-2019”

di -

Accordo bilaterale di cooperazione tra Italia e Russia su turismo e cultura: è stato infatti firmato lo scorso 5 ottobre il “Piano d’azione 2017-2019” volto a rinsaldare le strategie di promozione congiunta del settore e mettere in campo iniziative per favorire la diffusione dei rispettivi territori turistici.

Il piano, stilato dal gruppo di lavoro Cultura e Turismo del consiglio italo-russo di cooperazione economica, industriale e finanziaria, ha individuato 6 indirizzi prioritari su cui concentrare gli sforzi al fine di rafforzare l’immagine delle destinazioni minori, in coerenza con il piano Strategico del Tursimo per l’Italia 2017/2022.

Si tratta di:

  • turismo per famiglie
  • turismo sciistico
  • turismo enogastronomico
  • turismo giovanile
  • viaggi verso borghi storici
  • viaggi verso le mete di pellegrinaggio

L’accordo, relativamente a questi temi prevede attività rivolte allo scambio turistico, favorendo la crescita reciproca dei flussi tra i due paesi, i contatti diretti tra le associazioni turistiche russe e italiane e favorire la semplificazione delle formalità nell’ambito dello scambio turistico tra i due paesi (vale a dire la concessione dei visti).

Per quanto riguarda la promozione del prodotto turistico nazionale è previsto lo scambio di dati statistici prodotti dai rispettivi istituti nazionali con particolare attenzione alla profilazione dei russi che visitano l’Italia e degli italiani che visitano la Russia; lo scambio di esperienze nell’ambito del marketing, della promozione del prodotto e nella gestione dell’accoglienza turistica dei flussi aeroportuali.

Un terzo punto dell’accordo riguarda le fiere turistiche nazionali: verrà favorita la partecipazione di organizzazioni turistiche russe e italiane alle fiere internazionali del turismo organizzate dalle due parti (le prossime saranno la Mitt a Mosca dal 14 al 16 marzo 2017 e la Bit a Milano dal 2 al 4 aprile 2017)

Sulla legislazione nel settore turistico l’accordo prevede di scambiare informazioni sulle rispettive legislazioni nazionali, in particolare sui dati attinenti al sistema di classificazione degli alberghi e al controllo della qualità dei servizi.

L’accordo riguarda infine anche gli investimenti, favorendo la cooperazione tra le organizzazioni turistiche dei due paesi e l’elaborazione a cadenza annuale di una road map della cooperazione russo italiana nel campo della cultura e del turismo.

Il sottosegretario del Mibact con delega al turismo Dorina Bianchi ha dichiarato: “Con questo accordi si rafforza ulteriormente il legame tra Russia e Italia. Il piano d’azione individua come prioritario il rafforzamento delle destinazioni minori e in particolare dei borghi storici, la valorizzazione del turismo enogastronomico, il rilancio delle ferrovie storiche e lo scambio di esperti e giornalisti del settore turistico. La cooperazione continuerà anche nel settore della cultura con la predisposizione di specifici itinerari turistico culturali come quello che riguarda la passione, comune ai due paesi, per la lirica”.

“Il piano d’azione comune sottoscritto tra i due ministeri – spiega Francesco Moneta, partner di Visit Russia Milano – rappresenta un primo potente volano per il reciproco sviluppo di quei nuovi ‘turismi esperienziali’ che trainano il settore a livello internazionale. Siamo aperti alla collaborazione degli operatori turistici russi e italiani che vorranno partecipare a questo progetto e coglierne le opportunità, tra cui iniziative innovative di co-marketing e turismo incrociato tra operatori e istituzioni culturali dei due Paesi”.

Ultime notizie

Chi ha detto che l'aeroporto non è un posto per dormire? Skyscanner.it ha selezionato dieci piccoli e geniali capsule hotel all’interno degli aeroporti dove, in...

Babaiola, community di viaggiatori LGBT con oltre 19 mila viaggiatori iscritti, ha lanciato la propria campagna di crowdfunding con l'obiettivo di raccogliere 60mila euro.I fondi...

Media Partnership