Airbnb

Milano potrebbe diventare la seconda città d’Italia, dopo Genova, in cui Airbnb riscuote la tassa di soggiorno per conto del comune. L’ipotesi, riferisce MilanoToday, è stata inserita nel bilancio preventivo 2018 del comune di Milano e potrebbe essere ufficializzata già il mese prossimo: si parla di 3 euro a notte a persona per un incasso aggiuntivo tra i 2 e 3 milioni di euro. Ben oltre, dunque, il ricavo che ipotizzava a giugno scorso l’associazione degli albergatori milanesi di Confesercenti, ATR.

A Milano gli ospiti degli alberghi pagano, in base al numero di stelle da 2 a 5 euro per persona: il livello di tassa per gli appartamenti viene quindi inserito in competizione con hotel di fascia media.

Soluzione diversa di quella adottata a Genova dove la tassa ammonta a solo un euro a notte a persona per massimo 8 giorni di permanenza.

 

 

 

Ultime notizie

Arkus Network, società di partecipazioni ed investimenti con sede in Roma, dopo aver rilevato nel settembre 2017 il marchio Best Tours da Alessandro Rosso...

In base ai dati rilasciati dal Dipartimento Cultura e Turismo di Abu Dhabi (DCT Abu Dhabi), il numero di hotel guest che hanno soggiornato...

Media Partnership