Airbnb

Milano potrebbe diventare la seconda città d’Italia, dopo Genova, in cui Airbnb riscuote la tassa di soggiorno per conto del comune. L’ipotesi, riferisce MilanoToday, è stata inserita nel bilancio preventivo 2018 del comune di Milano e potrebbe essere ufficializzata già il mese prossimo: si parla di 3 euro a notte a persona per un incasso aggiuntivo tra i 2 e 3 milioni di euro. Ben oltre, dunque, il ricavo che ipotizzava a giugno scorso l’associazione degli albergatori milanesi di Confesercenti, ATR.

A Milano gli ospiti degli alberghi pagano, in base al numero di stelle da 2 a 5 euro per persona: il livello di tassa per gli appartamenti viene quindi inserito in competizione con hotel di fascia media.

Soluzione diversa di quella adottata a Genova dove la tassa ammonta a solo un euro a notte a persona per massimo 8 giorni di permanenza.

 

 

 

Ultime notizie

Emirates ha nominato Flavio Ghiringhelli nuovo Country Manager per l'Italia. Succede a Fabio Lazzerini, nominato a settembre scorso Chief Commercial officer di Alitalia. Ghiringhelli, che...

Dopo aver aperto le porte ai boutique hotel (leggi l'articolo) Airbnb prosegue nella ridefinizione delle propria offerta con un servizio dedicato alle case di lusso: con...

Media Partnership