Allegroitalia punta a quota 30 strutture entro il 2019

Allegroitalia punta a quota 30 strutture entro il 2019

di -
Allegroitalia
Allegroitalia

Dalle attuali 16 strutture a quota 30 entro il 2019. È l’obiettivo di Allegroitalia Hotel & Condo, che ha da poco siglato l’accordo che prevede la gestione dall’1 aprile 2017 del nuovo Allegroitalia Ortigia, in Sicilia. Con la new entry, i condotel presenti in Italia a brand Allegroitalia raggiungono quota cinque: San Pietro all’Orto 6 a Milano, Alagna Palace ai piedi del Monte Rosa, Golf Elba, Agritrulli a Ostuni e Allegroitalia Ortigia. Ma dall’attuale capacità di oltre 1.000 camere, suddivise in 16 strutture, la società punta ad arrivare a quota 30 entro nel giro di poco più di due anni.
Per raggiungere lo scopo, come sottolinea il presidente Piergiorgio Mangialardi, è necessario continuare a investire, non solo in termini economici ma anche sulle risorse umane. “Ed è proprio in quest’ottica che è recentemente entrato a far parte del team Guido Castellini, che si occuperà dello sviluppo, in termini di gestione diretta, affiliazione, management o affitto, sia degli alberghi e condotel col marchio Allegroitalia sia dei midscale Espressohotel”. Con una lunga esperienza nel campo del real estate, della valorizzazione patrimoniale e sviluppo di progetti nel settore turistico ricettivo, Castellini viene dalla divisione hotel di Alessandro Rosso Group. E si dice “certo che vinceremo la sfida che ci siamo prefissati”.