E’ noto il vizio di portare via “souvenir” dalle camere manifestato da molti clienti di hotel. Alcuni mesi fa abbiamo anche pubblicato una classifica degli oggetti più trafugati. La situazione è arrivata a un punto tale che qualcuno ha pensato: “Se i nostri arredi piacciono così tanto, perché non provare a venderli?”.

L’ultimo esempio di questo trend è il Sofitel Foshan, del gruppo AccorHotels, in apertura questo mese in Cina e che presenta la camera come uno showroom in cui è possibile comprare ciò che piace, come se si fosse all’Ikea. Al momento del check-out è quindi possibile prendere e pagare dagli oggetti di design ai mobili, accessori, ornamenti e illuminazione. Come riporta Italia Oggi il progetto è reso possibile da una partnership tra il gruppo Accor e la società specializzata in arredamento Louvre Furnishing Group.

Il Sofitel Foshan vende inoltre anche online tramite un ecommerce sul suo sito, ma non è il primo ad avere questa idea, soprattutto tra le catene. Westin Hotels, ad esempio, vende il proprio tipico letto, l’Heavenly Bed. Marriott propone, oltre al lette e ai suoi accessori, anche cosmetica e prodotti da bagno. Infine c’è Aloft di Starwood che collabora con la catena retail Design Within Reach per comprare mobilia e complementi d’arredo visti durante il soggiorno.  E la stessa Ikea ha un hotel in Svezia arredato con i propri prodotti.

 

 

Ultime notizie

Guai in vista per Uber a Londra: a maggio scorso la licenza di trasporto era stata rinnovata per soli 4 mesi anziché 5 anni,...
Tap Portugal

Dal prossimo 30 ottobre TAP Air Portugal, vettore portoghese membro di Star Alliance, amplia ulteriormente la propria offerta con l’inaugurazione di una nuova destinazione:...

Media Partnership