Bimbi a bordo: KAYAK.it ti dice con chi volare

Bimbi a bordo: KAYAK.it ti dice con chi volare

di -
Kayak.it
Kayak.it

Una ricerca effettuata dal motore di ricerca viaggi KAYAK.it raccoglie le informazioni indispensabili per le famiglie che viaggiano con bambini, evidenziando i costi e i servizi riservati ai più piccoli offerti da compagnie di linea e low cost. Ad esempio i genitori di un piccolissimo che prenotano un volo con Ryanair con l’intenzione di tenere in braccio il proprio bambino – di età compresa tra gli 8 giorni e i 2 anni – dovranno tenere a mente che la compagnia low cost prevede il pagamento di un costo fisso di circa 20 euro a tratta. Considerando i prezzi particolarmente vantaggiosi messi a disposizione da questa compagnia, a volte potrebbe quindi capitare di pagare per un neonato una tariffa superiore a quella prevista per un adulto. Se si decide, invece, di acquistare un posto a sedere per il proprio bambino, la tariffa equivarrà a  quella prevista per un adulto e sarà necessario ricordarsi di portare con sé un seggiolino, dal momento che Ryanair non lo mette direttamente a disposizione dei passeggeri: la compagnia verificherà che il seggiolino soddisfi le norme di sicurezza previste. Una situazione simile si verifica con easyJet: per i neonati – di età compresa tra 15 giorni e 23 mesi – che viaggiano in braccio ai genitori è previsto il pagamento di una tariffa di circa 28 euro a tratta, in aggiunta al costo del biglietto per l’adulto. La ricerca di KAYAK.it conferma che anche Vueling addebita un prezzo fisso per i bambini fino a 2 anni, ovvero 25 euro a tratta. Per entrambe le compagnie, come per Ryanair, la tariffa per i bambini dai 2 anni in su è pari a quella per un adulto. Le compagnie di bandiera, invece, offrono condizioni più vantaggiose. Con Alitalia i bambini fino a 24 mesi che viaggiano in braccio al genitore pagano fino all’80% in meno rispetto a un adulto;  quando, invece, è necessario acquistare un posto a sedere per bambini dai 2 anni in su, è possibile approfittare di tariffe agevolate, fino al 20% in meno rispetto al prezzo previsto per un adulto. Con Lufthansa, volare con i bambini sarebbe ancora più conveniente: la compagnia tedesca, infatti, permette ai minori di 2 anni di viaggiare in braccio al genitore gratuitamente o a tariffe agevolate (a seconda delle tratte) e mette a disposizione dei bambini sopra i due anni uno sconto del 25% circa rispetto al prezzo pagato da un adulto.

Per quanto riguarda i bagagli, sono ancora una volta le compagnie di linea a offrire le combinazioni migliori: nel costo del biglietto per un neonato Lufthansa comprende l’imbarco di un passeggino e di un bagaglio da stiva, oltre che il trasporto in cabina di un bagaglio a mano. Per quanto riguarda i bagagli imbarcati, anche con Alitalia il neonato ha diritto alle stesse condizioni previste per un adulto, oltre all’imbarco in stiva del passeggino. Vueling, Ryanair ed easyJet condividono le stesse condizioni di viaggio: nella tariffa per i neonati non sono inclusi né il bagaglio imbarcato né quello a mano,  tuttavia è possibile imbarcare gratuitamente il passeggino in stiva.

“La ricerca di KAYAK conferma che, quando si tratta di viaggiare con i bambini, non tutte le compagnie aeree sono uguali, quindi prima di procedere con la prenotazione occorre sempre valutare con attenzione. L’applicazione di un costo fisso, infatti, si traduce in un affare vantaggioso quando i prezzi dei biglietti sono piuttosto alti, ma non è da considerarsi una soluzione ottimale  se i normali prezzi dei voli sono già economici. Viaggiare con la propria famiglia può sembrare complesso, ma bastano solo un po’ di pazienza e un pizzico di organizzazione in più: KAYAK.it mette a disposizione dei suoi utenti una serie di consigli e strumenti utili per trovare le soluzioni di viaggio che meglio si adattano alle loro esigenze e a quelle della loro famiglia, aiutandoli a pianificare la vacanza perfetta per grandi e piccoli” dice Gurhan Karaagac, esperto di viaggio KAYAK.

Ultime notizie

E' arrivato il via libera ufficiale dal Consiglio dei Ministri per Palermo Capitale della cultura 2018, il riconoscimento annunciato a fine gennaio dal ministro Dario...

"A seguito del terremoto che ha colpito le aree al confine di Grecia e Turchia, con epicentro nel Mar Egeo tra l’isola di Kos e...

Media Partnership