Borgo diVino 2017, brindisi e show ai Castelli Romani

Borgo diVino 2017, brindisi e show ai Castelli Romani

di -
Borgo diVino 2017
Borgo diVino 2017

Vini dei Castelli e del Lazio, Vini d’Italia, Vini biodinamici e Vini francesi: ecco i protagonisti della terza edizione di Borgo DiVino, in programma nella cittadina di Nemi – nel cuore dei Castelli Romani – sabato 20 e domenica 21 maggio. Dopo il grande successo delle edizioni 2015 e 2016, l’evento del 2017 si prepara ad accogliere i visitatori con interessanti novità e una selezione di vini sempre più ricercata.

La kermesse quindi sarà divisa in quattro “aree di degustazione”: i vini dei Castelli Romani e del Lazio, che proporranno una degustazione fortemente caratterizzante del territorio che circonda Nemi; i vini d’Italia, con cantine che proverranno da varie regioni, tra le quali il Trentino Alto Adige, la Toscana e la Sardegna; i vini naturali e biodinamici, con vitigni italiani, francesi, austriaci e sloveni, la cui produzione non fa ricorso all’utilizzo di metodologie o ingredienti aggiuntivi; gli eleganti calici francesi, novità dell’edizione 2017, con pregiate bottiglie dell’’Alsazia, della Loira, della Borgogna e del Bordeaux che accoglieranno i turisti per un’’esperienza sensoriale unica. Il programma della manifestazione seguirà i seguenti orari: al sabato, dalle 12.30 alle 22 e la domenica, dalle 12.30 alle 21.Un appuntamento imperdibile per tutti gli appassionati e gli amanti del buon vino che potranno approfittarne anche per ammirare le bellezze del centro storico di Nemi, bandiera arancione del Touring Club italiano per la sua ottima accoglienza e per la qualità dell’’offerta turistica, assaggiando e degustando vini provenienti non solo dal territorio castellano, ma dalle cantine d’’Italia e, per la prima volta, anche da oltre il territorio nazionale.

Insieme alle aree di degustazione, a Borgo diVino 2017 non mancheranno le degustazioni guidate, coadiuvate da esperti sommelier della FISAR – Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori, gli approfondimenti del Museo Diffuso del Vino di Monte Porzio Catone e le visite guidate del GAALNA – Gruppo Archeologico Ager Lanuvinus et Nemus Aricinum.