ByHours, la tua vita, le tue ore: l’hotel diventa tailor made

ByHours, la tua vita, le tue ore: l’hotel diventa tailor made

di -
ByHours
ByHours

A poche settimane dal debutto ufficiale in Italia, ByHours già festeggia i primi, importanti risultati. La piattaforma di prenotazione di camere d’albergo a multipli di 3 ore (3,6,12) ha da subito incontrato il favore di albergatori e pubblico. “In pochissimo tempo abbiamo già stretto contratti con 202 alberghi su tutto il territorio nazionale, e il numero è destinato a crescere. Non possiamo che dirci soddisfatti. L’Italia, infatti, è uno dei nostri mercati prioritari insieme ovviamente alla Spagna – dove siamo nati nel 2012 – la Germania, la Francia, e il Regno Unito”  spiega Guillermo Gaspart, ByHours co-founder. Il segreto del successo? Per Gaspart e Giovanni Battista Merello, country manager per diversi mercati, è fondamentalmente uno: “Incrociare in maniera corretta domanda e offerta, facendo sì che siano contenti sia gli albergatori, che riescono a mettere a profitto camere altrimenti vuote,  sia gli utenti, che sempre più spesso non hanno bisogno e non vogliono la tradizionale formula della notte intera”. 

Intanto, per promuovere ulteriormente la formula – “circa il 60% dei nostri clienti richiede proprio il pacchetto di 3 ore” – fino a dicembre vale la la promozione 3 ore a 25 euro applicabile a tutte le strutture italiane presenti sulla piattaforma. Il prezzo è fisso e le prenotazioni possono essere effettuate tramite il sito web byhours.com o utilizzando l’app dedicata e attiva su smartphone e tablet. La tariffa dei pacchetti – 3,6 o 12 ore appunto – è identica durante le ore diurne e notturne: è la migliore garantita e la cancellazione è gratuita.

Ancora, la flessibilità sembra essere uno dei principali punti di forza di ByHours: “L’albergo diventa un luogo da vivere a tutti gli effetti, un vero contenitore contenitore di esperienze e di servizi. Proprio nella totale possibilità di personalizzazione risiede il nostro maggiore elemento di differenza rispetto alle piattaforme tradizionali di booking, ma anche a quelle che offrono il dayuse. Si possono perciò acquistare – già in fase di prenotazione -servizi come SPA, parcheggio, transfer, food/snack, culla, e aggiungere anche ore in più, pagando solo il tempo in cui si soggiorna effettivamente in hotel” dice Gaspart.

Ultime notizie

La crisi di Air Berlin è arrivata al punto di non ritorno: il 15 agosto 2017 la compagnia tedesca, partecipata al 29% da Etihad,...

Secondo la quarta edizione del Global Travel Forecast, rilevazione annuale di Carlson Wagonlit Travel, i prezzi dei servizi di viaggio potranno aumentare in modo...

Media Partnership