Da compagnie aeree e aeroporti di tutto il mondo 33 miliardi di dollari per la tecnologia nel 2017. È quanto emerge dall’Air Transport IT Trends Insights 2017 presentata da SITA, specialista IT che trasforma il viaggio aereo con la tecnologia; l’indagine quest’anno vede aerolinee e scali concentrare gli investimenti sulle stesse priorità: cyber security, servizi cloud, opzioni self-service per i passeggeri.

La spesa per la tecnologia. Anche nel 2017 la spesa dell’industria del trasporto aereo per la tecnologia si conferma elevata: le compagnie aeree investiranno 24,3 miliardi di dollari,[1] pari al 3,30% dei ricavi stimati nell’anno; per gli aeroporti la cifra sarà di 8,43 miliardi di dollari, raggiungendo il 5,05% dei ricavi complessivi. Una spesa che nel 2018 oltre il 70% delle compagnie e l’88% degli aeroporti prevede di aumentare o mantenere invariata.

Priorità: cyber security, cloud, self-service. Priorità numero 1 per gli investimenti in tecnologia è la cyber security: il 95% delle compagnie aeree e il 96% degli aeroporti nei prossimi tre anni investirà in importanti programmi di sicurezza informatica o in ricerca e sviluppo in questa direzione. Altra priorità sono i servizi cloud, in cui nei prossimi tre anni investiranno il 95% delle compagnie e l’85% degli aeroporti: un dato che conferma la crescita di tali soluzioni, rilevata da SITA sin dal 2015. Terza area chiave per gli investimenti sono le opzioni self-service offerte ai passeggeri.

Ilya Gutlin, Presidente Air Travel Solutions di SITA, ha dichiarato: “L’industria del trasporto aereo, alle prese con la trasformazione digitale, sta focalizzando l’attenzione su tre obiettivi: proteggere business e passeggeri dagli attacchi informatici, minaccia reale in un’industria fortemente interconnessa come quella del volo; ricercare sempre maggiore efficienza grazie ai servizi cloud, che consentono al contempo un contenimento dei costi; migliorare l’esperienza di chi vola, offrendo opzioni self-service ai passeggeri, che apprezzano indipendenza ed efficienza”.

Compagnie aeree sempre più mobile. Focus delle compagnie aeree è l’offerta di servizi per i dispositivi mobile: se già oggi la maggioranza delle aerolinee permette l’utilizzo di smartphone e tablet per il check-in (73%), per l’imbarco (70%) e per notifiche sullo stato dei voli (68%), tali percentuali supereranno il 97% entro il 2020. In particolare, punto chiave per il miglioramento sarà l’offerta di aggiornamenti in tempo reale sui voli attraverso i social media: oggi è possibile per il 31% delle compagnie aeree; saranno il 92% entro i prossimi tre anni.

Fornire un’esperienza di viaggio senza intoppi è fondamentale per le aerolinee: il 94% classifica come “priorità” fornire tutti i servizi attraverso una sola App; per il 58% tale obiettivo è di “alta priorità”. Funzionalità e fruibilità delle App si sviluppano velocemente; per questo, sempre più compagnie intendono usare il mobile come un canale di customer service, anche in caso di irregolarità.

Aeroporti sempre più self-service. L’uso di tecnologie self-service check-in, bag drop e imbarco è sempre più popolare fra i passeggeri, e l’89% degli scali investe in queste opzioni. Gli operatori aeroportuali sono focalizzati nel migliorare il transito dei passeggeri nel terminal: secondo l’indagine SITA, l’80% degli scali nei prossimi tre anni intende farlo attraverso nuove tecnologie come Internet delle Cose, beacon, sensori. Quasi i tre quarti degli aeroporti (74%) investono in soluzioni per l’orientamento nello scalo; il 68% lavora a soluzioni che permettano al passeggero di costruirsi un viaggio sempre più personalizzato.

Ultime notizie

Mappamondo annuncia la nascita di Mappamondo SuperTop, la polizza assicurativa creata ad hoc, frutto di una nuova convenzione con Allianz Global Assistance, la linea di business del Gruppo...

Bar e ristoranti si confermano il volano della ripresa dei consumi delle famiglie italiane. Questa una delle principali evidenze emerse dall'ultimo Rapporto Ristorazione della Fipe...

Media Partnership