Hundredrooms ha selezionato alcune delle cascate italiane che vale davvero la pena vedere, dalla più alta alla più suggestiva, fino ad arrivare a quella più leggendaria. Un itinerario tutto da scoprire in questa fotogallery:

LA PIÙ ALTA



Le acque che si precipitano da 500 metri di altezza fanno della Cascata dello Stroppia la più alta d’Italia in assoluto e tra le più alte d’Europa. Situata nei pressi della località di Chiappera, in provincia di Cuneo, raggiunge il suo massimo splendore soprattutto nel periodo di tarda primavera. Attorno alla cascata si estende un territorio unico per bellezza paesaggistica, ideale per chi ama fare escursioni.

LA PIÙ FAMOSA


La Cascata delle Marmore, in Umbria, è la più nota del Paese. La fragorosa colonna d’acqua parte da un dislivello di 165 metri, per poi discendere in tre diversi salti e trasformarsi in una spumosa nuvola bianca dal fascino quasi indescrivibile. Creata in epoca romana per volontà del Console Manlio Curio Dentato, oggi fornisce energia elettrica alle industrie siderurgiche ternane.

LA PIÙ SUGGESTIVA


Senza dubbio si tratta delle Cascate dell’Acqua Fraggia, in provincia di Sondrio. La loro bellezza non rimase indifferente agli occhi di Leonardo da Vinci, che così scrisse nel suo Codice Atlantico: “Su per detto fiume (la Mera) si truova chadute di acqua di 400 braccia le quale fanno belvedere”. La discontinuità del torrente, interrotto da salti e pozze, spiega l’origine del nome latino “acqua fracta”, cioè “spezzata”.

LA PIÙ LEGGENDARIA

Cascate del serio fonte parks.it

Si racconta che la Cascata del Serio, in provincia di Bergamo, sia nata dalle lacrime di una fanciulla, prigioniera tra le mura di un castello per ordine di una dama gelosa e innamorata del suo fidanzato, un umile pastore del luogo. Composta da un triplice salto, per un’altezza totale di 315 metri, anche la Cascata del Serio è tra le più belle e alte d’Europa.

LA PIÙ ABBONDANTE


Con una portata di 4 metri cubi al secondo (che si triplica in primavera), la Cascata del Dardagna, nell’appennino bolognese, è certamente la più copiosa d’Italia. Le abbondanti acque si disperdono tra i massi d’arenaria creando uno scenario meraviglioso, tanto che il regista Pupi Avati decise di girarvi alcune scene del film Una gita scolastica.

LA PIÙ GRANDE


Alta 12 metri e larga 60, la marchigiana Cascata del Sasso, detta anche Balza del Metauro, è considerata tra le più grandi d’Italia. Originatasi per la presenza di una bancata di strati calcarei disposti a reggipoggio – e quindi più resistenti all’erosione fluviale – è un vero e proprio spettacolo della natura. Peccato per quel muro di contenimento sulla riva sinistra, costruito senza alcun accorgimento di tutela estetica.

LA PIÙ AVVENTUROSA


Le tre bellissime Cascate di Riva, in Trentino Alto Adige, si originano dall’omonimo fiume Riva e sono meta di scalatori che, d’inverno, si avventurano in difficili risalite dei corsi d’acqua ghiacciati. Per i meno audaci, il miglior periodo per visitarle è sicuramente l’estate, quando, con il disgelo del ghiacciaio delle Vedrette di Ries – che sciogliendosi ingrossa il fiume – le cascate raggiungono la massima potenza.

LA PIÙ VERDE

cascate rio verde fonte wwf.it

Non potevano chiamarsi diversamente le Cascate del Rio Verde, vista la fitta vegetazione mediterranea che le circonda e le caratterizza. Situate all’interno di un’area protetta, la Riserva Naturale Regionale e Oasi WWF Cascate del Verde, sono anche di grande interesse scientifico, viste le particolari caratteristiche microclimatiche, floristiche e faunistiche.

LA PIÙ POTENTE


La Cascata del Toce, in territorio piemontese, è visibile ai visitatori solo in alcuni periodi dell’anno, poiché le acque straripanti del fiume Toce vengono raccolte a monte della cascata e condotte attraverso una galleria fino alla centrale di Ponte dell’Enel per produrre energia elettrica. La Cascata è senza dubbio tra le più belle d’Italia e ha affascinato artisti come Richard Wagner e Gabriele D’Annunzio.

LA PIÙ URBANA


Tra le cascate che nascono dal fiume Liri ce n’è una davvero speciale. La Cascata Grande del Liri, che nasce dal braccio sinistro del fiume, è forse l’unica in tutta Italia ad essere perfettamente integrata all’interno del centro storico di Isola del Liri, comune in provincia di Frosinone. La vista è davvero straordinaria, visto che in prossimità della cascata spicca l’imponente Castello Boncompagni – Viscogliosi di epoca medievale.

Ultime notizie

Lo scorso 22 novembre all’Hub Gattinoni di via Statuto 2 a Milano si sono accesi i riflettori sulla destinazione Barbados che, alle porte dell’alta stagione, evidenzia già importanti...

Otto giorni di natura e cultura, colori e sapori per (ri)scoprire il Messico. È stato un successo il FamTour organizzato da I Viaggi del Delfino, in...

Media Partnership