Un rapporto difficile quello tra le aste per fare i selfie e il turismo: indispensabili per un’inquadratura che vada oltre il primo piano sono al contempo bannati in un numero crescente di attrazioni turistiche. Le ultime in ordine di tempo sono i parchi Disney: il divieto per i selfie stick, che era già presente sulle attrazioni, è stato esteso ieri a tutto il parco di Disneyworld a Orlando, in Florida, mentre da oggi, 1° luglio, la norma entra in vigore anche a Disneyland Paris e Disneyland Hong Kong.

Il bastone per i selfie, come riporta la BBC, è considerato pericoloso perché l’asta allungata potrebbe da una parte ferire accidentalmente i passanti, in secondo luogo perché sulle attrazioni potrebbe venire in contatto con i meccanismi delle giostre. E poi, probabilmente, anche perché uno dei business collaterali del parco è proprio la vendita di foto ai visitatori.

Per tutti questi motivi i dispositivi dovranno essere consegnati all’ingresso dei parchi e verranno riconsegnati all’uscita.

I selfie stick sono già vietati in diversi stadi, in molti tennis club, tra cui Wimbledon e in musei come la National Gallery, il Moma di New York, gli Uffizi e la Reggia di Versailles.

Ultime notizie

video

WeRoad, la nuova community di viaggiatori on the road lanciata lo scorso marzo da Travel4Target, il tour operator che organizza viaggi evento per community...

Gli Europei di calcio del 2020 saranno la prima edizione del torneo in 60 anni di storia a non avere un paese ospitante: le...

Media Partnership