Dubai, i pernottamenti internazionali segnano +11% nel primo trimestre

Dubai, i pernottamenti internazionali segnano +11% nel primo trimestre

La Skyline di Dubai
La Skyline di Dubai

Risultati da record per il turismo di Dubai, che nel primo trimestre del 2017 ha registrato un incremento dell’11% nei pernottamenti internazionali rispetto allo stesso periodo nel 2016. Da gennaio a marzo 2017, circa 4,57 milioni di turisti hanno visitato la Città, pari ad una crescita più che duplice rispetto a quella registrata nel primo trimestre dello scorso anno. I dati sono stati diffusi dal DTCM – Dubai Department of Tourism and Commerce Marketing (Dubai Tourism).

Nella classifica dei 20 mercati top del turismo inbound, Cina e Russia proseguono la loro traiettoria di crescita senza precedenti, con performance rispettivamente pari a +64% e +106% rispetto al primo trimestre 2016, che in termini assoluti si traducono in 230.000 e 1, 6.000 arrivi turistici. Conservano intatta la loro posizione sul podio India, Arabia Saudita e Regno Unito che costituiscono complessivamente il 30% del totale degli arrivi a Dubai nel primo trimestre. In questo contesto l’India si avvia a diventare il primo mercato mondiale registrando quasi 580.000 visitatori nel trimestre, con un’imponente crescita del 23% degli arrivi tra gennaio e marzo. Dubai ha inoltre registrato un altro primato: i Paesi dell’Europa Occidentale arrivano in pole position rappresentando il 22% dei pernottamenti totali e superando così i Paesi del Golfo, leader tradizionali della classifica. Scorrendo le altre aree di provenienza dei flussi turistici a Dubai, nel primo trimestre 2017 l’America rappresenta il 6%, l’Africa il 4% e l’Australasia l’1%.

Ultime notizie

Anche per la stagione 2018 Gardaland propone diverse novità all'insegna della tecnologia. Se l'attrazione principale rimane senza dubbio la nuova area Peppa Pig, presa...
Alitalia

Il prestito ponte di 900 milioni concesso ad Alitalia per evitare la bancarotta lo scorso anno è sotto la lente dell'Antitrust europea: secondo Bruxelles...

Media Partnership