Europei in aereo: rumore e prezzi alti per gli snack gli aspetti...

Europei in aereo: rumore e prezzi alti per gli snack gli aspetti più detestati

E’ il rumore in aereo l’aspetto che più infastidisce i viaggiatori in volo, e quasi due terzi degli italiani (il 63%) vorrebbero delle zone tranquille e silenziose, come quelle presenti su alcuni treni. E’ il risultato di un sondaggio del motore di ricerca di voli e hotel Jetcost, realizzato sulle esperienze di viaggio degli europei vacanza.Sono state intervistate 3.000 persone (500 di ogni nazionalità: britannica, spagnola, italiana, tedesca, portoghese e francese), maggiorenni e che avessero fatto almeno un viaggio negli ultimi due anni. Alla domanda sulle cose considerate più irritanti durante il volo, le risposte più comuni – riporta Askanews- sono state: il rumore (48%), gli alti prezzi di cibo e bevande (26%) il non avere abbastanza spazio per le gambe (18%) e il dover attendere l’imbarco degli altri passeggeri (13%). E i rumori più fastidiosi sono risultati, nell’ordine, bambini che piangono, gruppi di giovani che urlano, genitori che rimproverano i figli, persone che hanno bevuto troppo, persone che russano.Come soluzioni che le compagnie aeree potrebbero adottare per risolvere il problema, il 63% ha proposto la creazione di una zona riservata, tranquilla e silenziosa, il 29% di distribuire cuffie o tappi per le orecchie gratuitamente a chi lo chiede e di fare in modo che il personale di bordo inviti i passeggeri a fare meno rumore. A livello europeo, gli italiani (63%) sono risultati i più interessati alla creazione di queste aree silenziose sugli aerei, davanti agli spagnoli (56%), ai portoghesi (54%), francesi (53%), britannici (32%) e tedeschi (22%).

Ultime notizie

Arkus Network, società di partecipazioni ed investimenti con sede in Roma, dopo aver rilevato nel settembre 2017 il marchio Best Tours da Alessandro Rosso...

In base ai dati rilasciati dal Dipartimento Cultura e Turismo di Abu Dhabi (DCT Abu Dhabi), il numero di hotel guest che hanno soggiornato...

Media Partnership