Food Travel Monitor: cresce il turimo del gusto; Italia prima meta al...

Food Travel Monitor: cresce il turimo del gusto; Italia prima meta al mondo

di -

Cresce il turismo del gusto, e Italia è la prima meta al mondo. A tracciare il trend è il Food Travel Monitor 2016, lo studio internazionale sul turismo enogastronomico presentato dalla World Food Travel Association, l’organizzazione non-profit per lo sviluppo economico delle industrie food, beverage, travel e hospitality.

Sugli 11 Paesi in cui è stata condotta la ricerca (Italia, Francia, Germania, Irlanda, Regno Unito, Spagna, Australia, Cina, India, Messico e Stati Uniti) l’Italia, insieme a Francia e Giappone, è la Mecca dei golosi. Oltre a confermarsi al 1° posto per i tedeschi, che segnalano la Toscana (4° posto) e Roma (10° posto) come mete d’eccellenza, per la Cina il Belpaese è l’unica meta enogastronomica al di fuori dell’Oriente, e per gli USA la sola destinazione estera citata dagli intervistati. Secondo lo studio il 49% dei turisti internazionali non sceglie la destinazione in base al luogo, ma per ciò che può assaggiare, con cibo, vino e birra che superano le motivazioni culturali o paesaggistiche. In crescita anche le visite ad aziende e mercati agricoli: il 93% dei viaggiatori durante le vacanze ha visitato una cantina, ha venerato i grandi chef negli showcooking dei festival o ha assaltato un food truck a caccia di street food.

E a livello mondiale è la generazione dei Millennials a dichiararsi più delle altre fasce d’età un viaggiatore del gusto (52%). La ricerca poi ha individuato anche 13 profili psico-culinari del turista food&beverage internazionale: l’Autentico, l’Innovativo, l’Eclettico, il Social, il Locale, il Biologico, il Gourmet, l’Avventuroso, il Budget, l’Abitudinario, l’Esteta, il Vegetariano, e il Trendy. In ogn caso, si tratta di un viaggiatore ad alto valore aggiunto, “sia per la spesa in food&wine durante il viaggio, sia perché tende a partecipare ad altre attività culturali quando viaggia, sia perché acquista volentieri prodotti tipici da riportare a casa“, spiega Roberta Garibaldi, ambassador della WTFA per l’Italia e responsabile dell’Osservatorio sul turismo dell’Università degli studi di Bergamo.

Ultime notizie

Angelo De Negri

Gli incidenti di percorso estivi degli operatori del turismo, come il recente caso di Sueño Holidays che ha cancellato le rotazioni charter per Tenerife previste...

Non si sono fatte attendere le prese di posizione di Ryanair e Etihad sulla vicenda del fallimento di Air Berlin, con toni particolarmente accesi, specialmente...

Media Partnership