Hotel e chef stellati: un business milionario

Hotel e chef stellati: un business milionario

Meo Modo di Relais Borgo Santo Pietro di Chiusdino
Meo Modo di Relais Borgo Santo Pietro di Chiusdino

Hotel e chef stellati, un connubio che genera un business milionario. Da una parte ci sono le grandi catene alberghiere che gareggiano per accaparrarsi gli chef di grido, e dall’altra i maestri dell’alta cucina che puntano sempre più sul comparto turistico. E quando ricettività e gastronomia si incontrano, secondo una ricerca di Jfc, il valore aggiunto dato degli chef stellati per il settore dell’ospitalità è di circa 600 milioni di euro l’anno. Come riporta Il Sole 24 Ore, gli hotel italiani con ristoranti stellati Michelin a oggi sono 92, ed erano 70 nel 2013. Tra le 26 nuove stelle italiane 2016 due ristoranti Relais&Chateaux, il Vespasia di Palazzo Seneca a Norcia e Meo Modo di Relais Borgo Santo Pietro di Chiusdino. L’indagine Jfc sottolinea poi che il value brand per la località che ospita uno chef famoso (o 3 stelle Michelin) varia tra 76 e 214milioni, mentre il value brand per uno chef emergente (o 2 stelle) può variare da 7 a 32 milioni, fino a 12 milioni per una stella.

Tra le altre catene straniere che puntano in questa direzione c’è il Park Hyatt, con gli chef stellati Andrea Aprea (Milano), Christian Sinicropi (Cannes) e Jean-Francois Rouquette (Paris Vendome). Per quanto riguarda gli investimenti, il re degli chef italiani Gualtiero Marchesi ha partecipato alla gara del Demanio per la gestione dei fari. E sono addirittura sette i fari che Marchesi vorrebbe gestire per creare una rete che faccia forza proprio su ricettività e alta cucina. “Filo conduttore del progetto – dice Marchesi – è la cucina italiana e la riscoperta del territorio. In ogni luogo il microclima detterà i sapori e gli ingredienti da rivalutare”.

Ultime notizie

Bar e ristoranti si confermano il volano della ripresa dei consumi delle famiglie italiane. Questa una delle principali evidenze emerse dall'ultimo Rapporto Ristorazione della Fipe...
Airbnb

Dura replica di Airbnb alla notizia che l’Aula del Pirellone ha approvato il 17 gennaio scorso la legge che introduce il Codice Identificativo di...

Media Partnership