Per generazione Z si intende quella dei nati dal 1998 in poi: oggi hanno meno di 20 anni, sono nativi digitali ma gelosi della propria privacy, ambiziosi e pragmatici.

La nuova sfida del mondo del marketing oggi è quella di capire come intercettare i bisogni di un fenomeno sociale che nel 2020 rappresenterà il 40% dei viaggiatori di USA, Europa e BRIC (Brasile, Russia, India e Cina).

Conoscere a fondo chi sono, le loro abitudini, i posti che frequentano, le cose che amano fare o non fare diventa dunque fondamentale per qualsiasi brand voglia essere davvero competitivo sul mercato.

Per questo motivo l’agenzia di comunicazione Ketchum, considerata tra le prime 5 al mondo, ha realizzato lo studio “Engaging Gen Z” per fotografare le abitudini e i modelli di comportamento dei teenager di oggi.

Ma chi appartiene davvero alla Generazione Zeta? I nati dal 1998 a oggi sono circa 2 miliardi in tutto il mondo e hanno un potere di spesa molto elevato: contribuiscono con circa 44 miliardi di dollari all’economia USA. Sono cresciuti nel momento di massima espansione di internet, di conseguenza vivono in un mondo globalizzato e senza confini spazio-temporali.

La Generazione Zeta si sta rivelando molto più complessa e sfuggente rispetto ai Millenials, ovvero i nati dal 1980 al 1998. Secondo Patrizia Martello, Consumer Culture Consultant di Ketchum Italia e Docente di Sociologia della Comunicazione presso NABA Milano, “Gli Zeta sono nati e cresciuti in un mondo difficile, complesso e allo stesso tempo piatto e a portata di mano, pieno di innovazioni futuribili ma altrettanto pieno di piccole apocalissi. Circondati dalla tecnologia, sono i veri nativi digitali, almeno i più piccoli, che come primo device hanno avuto in mano uno smartphone. Lato consumi, scelgono l’accesso e non il possesso di beni, il paradigma dello sharing per loro è il mindset naturale, se garantisce esperienza e fruizione di ciò che vogliono. Indipendenti, autosufficienti e proattivi esercitano la loro autonomia nelle scelte quotidiane e in quelle familiari più importanti per la loro crescita e il loro futuro. Considerando la diversità culturale come un’opportunità di apprendimento, di conoscenza, di nuove relazioni, i viaggi e gli scambi interculturali possono certamente rappresentare per loro un modo per fare questo tipo di esperienze che, in fondo, sono esperienze di condivisione – valore driver dei loro modelli relazionali e di consumo.

Ecco quindi le 15 caratteristiche che contraddistinguono la generazione Z secondo lo studio di Ketchum:

z

 

“Con questo progetto – spiega Andrea Cornelli, CEO e VP di Ketchum Italia – anticipiamo il nuovo scenario e le tendenze dettate dalla Gen Z per supportare i brand nel reindirizzare in maniera efficace le strategie di comunicazione e marketing, interpretare i bisogni di questo target emergente e intercettare le tendenze future”.

Ultime notizie

Bar e ristoranti si confermano il volano della ripresa dei consumi delle famiglie italiane. Questa una delle principali evidenze emerse dall'ultimo Rapporto Ristorazione della Fipe...
Airbnb

Dura replica di Airbnb alla notizia che l’Aula del Pirellone ha approvato il 17 gennaio scorso la legge che introduce il Codice Identificativo di...

Media Partnership