Come risposta alle lamentele di Airbnb e Homeaway secondo cui non era possibile adeguarsi in così poco tempo alle nuove norme sul sostituto d’imposta per i portali di prenotazione appartamenti, Repubblica racconta la storia di una startup italiana nel settore dell’home rental, Rentopolis di Stefano Bettanin, che è riuscita ad adeguarsi in circa una settimana alle nuove leggi.

Le dimensioni delle aziende sono molto diverse: Rentopolis non ha più di 200 appartamenti sul sito e molto meno traffico, ma la storia dimostra che lo scoglio non è di natura tecnologica ma più di volontà nello studiare e applicare possibili soluzioni.

Come spiega Bettanin a Repubblica: “Da aprile era già chiaro quale fosse la direzione, quindi abbiamo subito iniziato a studiarne la fattibilità. Poi per aggiornare il codice è bastata una settimana”.

Da giugno quindi Rentopolis trattiene il dovuto come sostituto di imposta e il prossimo 16 di agosto effettuerà il primo versamento al fisco.

Chi invece non si adeguerà rischia multe fino al 20% delle somme non trattenute.

Ultime notizie

Si avvicina l’edizione 2017 dell’Oktoberfest di Monaco di Baviera, uno degli eventi europei più amati dagli italiani, in programma dal 16 settembre al 3...

Il programma pilota più recente Delta Air Lines all’aeroporto internazionale Ronald Reagan di Washington permette ai passeggeri di collegarsi in video chat dall’aeroporto con uno specialista...

Media Partnership