C’è tanta voglia di scoprire luoghi poco esplorati, ma anche di attraversare piste già battute dai più, per ammirarle sotto nuovi aspetti. Sono questi i desideri di migliaia di backpackers che hanno già prenotato le loro avventure nei primi mesi del prossimo anno attraverso Hostelworld.

A luoghi ormai entrati di diritto nel cuore dei giovani viaggiatori come Italia, Spagna, Thailandia e Stati Uniti, si affiancano quelli in crescita esponenziale di interesse come Nicaragua, Israele e Sudafrica che hanno registrato un aumento medio del 65% delle prenotazioni rispetto all’anno precedente. Ecco tutte le 18 top mete per il 2018 più prenotate sulla piattaforma di ostelli, frequentata soprattutto da millennials:

Islanda: patria della laguna Blu, dei geyser e di Bjork, questa minuscola isola è ancora relativamente sconosciuta in generale ai viaggiatori, ma sta ottenendo sempre più interesse grazie all’attività promozionale del Governo per attrarre nuovi visitatori

Israele: il 2017 è stato un anno d’oro per questo territorio con una crescita delle prenotazioni che ha toccato il 60% rispetto ai dodici mesi prima. La capacità di miscelare antico e moderno è il primo richiamo per i viaggiatori.

Una veduta di Gerusalemme

Scozia: con i suoi paesaggi mozzafiato, entra di diritto tra le 18 migliori destinazioni su scala globale per il prossimo anno, con una certa attenzione da parte proprio dei suoi vicini casa. Infatti, il maggior numero di prenotazioni in Scozia stanno arrivando dal resto del Resto Unito.

Croazia: meta tra le più gettonate tra gli amanti del dolce far niente lungo le spiagge della costa dalmata, oppure per gli avventurieri che vogliono rivivere alcune delle leggendarie scene di “Game of Thrones”, luogo dove è stata in parte girata la celebre serie televisiva.

Vietnam: è una delle mete in forte crescita di interesse, non solo per le sue belle naturalistiche ma anche per la serie di festival che vengono organizzati durante tutto l’anno, uno dei quali rappresenta un vero e proprio richiamo internazionale, il Festival della Luna.

Sud Africa: la ricchezza naturalistica e paesaggistica di questo territorio ha pochi eguali su scala globale. Si può giocare con i pinguini a Città del Capo, nuotare nelle calde acque dell’Oceano Pacifico, o a Durban alla ricerca dei “Five bigs”, i cinque grandi ne safari. Le prenotazioni sono cresciute di oltre il 50% nel corso dell’ultimo anno.

Una veduta di Città del Capo, Sudafrica

Spagna: mantiene il suo posto per il secondo anno consecutivo come seconda destinazione più visitata al mondo. Perfetto mix tra grandi città e villaggi locali.

Stati Uniti: passa dal quinto al quarto posto tra le mete più gettonate, l’America a Stelle & Strisce continua ad essere una destinazione popolare per i viaggiatori di tutto il mondo. Dalle grandi metropoli che non dormono mai, alle affascinanti distese per osservare le stelle di notte, fino al celebre Grand Canyon.

Colombia: la vita notturna di Bogotà è il richiamo principale di migliaia di viaggiatori che stanno sempre più scegliendo questa meta turistica. Spinti anche dal titolo che la stessa città ricevette un po’ di tempo fa, nel 2012, eletta Città della Musica dall’Unesco.

Sri Lanka: il fascino di questo territorio ancora poco esplorato è dato dal mix di culture, lingue e persone che si può trovare qui, rendendo questa una delle zone nel sud-est asiatico in forte crescita di prenotazioni.

Thailandia: il primo scalo di molti viaggi nel sud-est asiatico e sta crescendo di popolatà anno dopo anno, tanto da aver conquistato il terzo posto tra le mete più popolari.

Filippine: si può passare dalla frenetica vivacità della città Manila per passare poi al relax sull’isola di Boracay.

Nicaragua: il paese  del centro America vanta splendide spiagge su due oceani e una giungla incontaminata nell’area più interna. Le prenotazioni in questo paradiso sono aumentate dell’87% nell’ultimo anno.

Guatemala: un’altra gemma ancora poco esplorata dell’America Centrale che difficilmente rimarrà così a lungo, dato che le prenotazioni sono sempre in forte crescita tra coloro che amano passare dalle celebri rovine dei Maya, scoprire l’antica storia coloniale spagnola fino a perdersi nella modernità dei grattacieli di recente costruzione.

Cambogia: i templi di Angkor Wat continuano a richiamare persone da tutto il mondo che rimangono letteralmente stupefatte dalla bellezza di questi antiche strutture. Anche la parte moderna del paese ha molto da offrire, come l’Aeon Mall luogo perfetto per concedersi un po’ di puro shopping a grandi livelli.

Nepal: tra i luoghi più “alti” al mondo, vanta fertili aree che si annidano sotto le giganti montagne dell’Himalaya. Dopo il devastante terremoto del 2015, il confine Nepal-Tibet è di nuovo aperto ai viaggiatori e ora uno dei maggiori richiami.

Messico: Città del Messico si espande a vista d’occhio e cresce spinta dai numerosi richiami che questa immensa città offre: musei, gallerie e architettura moderna che si incontra, e alcune volte scontra, con la sua storia antica.

Portogallo: Lisbona è la patria degli ostelli, pronti ad offrire un mix di di vita notturna, passione e amore per la vita che porta le persone a sentirsi come se fossero a casa propria, nonostante in molti siano giunti per la prima volta in quella zona.

“Il viaggio è ormai sempre di più l’incontro tra vecchio e nuovo alla ricerca del perfetto equilibrio tra questi due aspetti – dice Marek Mossakowski, Global Head of Brand di Hostelworld -. Il primo aspetto che balza dei nostri viaggiatori è la voglia di scoprire nuovi intriganti luoghi ed esperienze, ma anche dedicarsi alle destinazioni più consolidate e più popolari. Il nuovo anno, come ben si sa, rappresenta un nuovo inizio e quale modo migliore per sfruttarlo al meglio, se non quello di condividere esperienze uniche con persone straordinarie in luoghi davvero incredibili”.

Ultime notizie

Bar e ristoranti si confermano il volano della ripresa dei consumi delle famiglie italiane. Questa una delle principali evidenze emerse dall'ultimo Rapporto Ristorazione della Fipe...
Airbnb

Dura replica di Airbnb alla notizia che l’Aula del Pirellone ha approvato il 17 gennaio scorso la legge che introduce il Codice Identificativo di...

Media Partnership