Mercatini di Natale, il business di fine anno

Mercatini di Natale, il business di fine anno

I mercatini di Natale sono un motivo di viaggio che non conosce battute d'arresto. Nella foto, Sauris

Prodotto tradizionale e in caduta, come una cometa alla fine del tragitto? Macchè. I mercatini di Natale – con tutto il loro scintillio di addobbi, lucine e ghiottoneria tipiche – sono un’attrazione irresistibile per migliaia di viaggiatori. I numeri, d’altronde, parlano chiaro: solo nel nostro Paese, i mercatini natalizi sono 556 (dati 2013). Il fatturato complessivo registrato l’anno scorso, riporta una ricerca di JFC, si è attestato a 766 milioni di euro. Davvero niente male. “Si tratta di turisti che soggiornano in media 1,4 notti, per un totale di 2 milioni 400 mila pernottamenti nelle destinazioni dove si svolgono i mercatini di Natale, con una forte prevalenza di quelli che si svolgono in Alto Adige e in Trentino” ha dichiarato Massimo Feruzzi, amministratore unico di JFC . Per quanto riguarda la distribuzione territoriale, in Italia è il Piemonte, con il 18,7% sul totale nazionale, la regione dove si svolge il maggior numero di questi appuntamenti, seguito da Lombardia (12,3%), Veneto (7,9%), Liguria (7,7%), Emilia Romagna (6,3%), Campania (5,4%) e Toscana (5,2%). Le regioni montane come il Trentino e l’Alto Adige rappresentano pariteticamente il 3,4% ognuna della quota dei mercatini di Natale a livello nazionale. Però, a livello di “celebrità” e ricadute economiche, non hanno davvero competitor.

Ovviamente, lo shopping natalizio condito con un pizzico di magia e atmosfera è anche motivo di un viaggio oltreconfine: Austria, Germania e Danimarca– aiutate anche dal clima e dalla neve – sono da sempre le mete predilette dai fan dei mercatini.

Natale 2014: gli appuntamenti clou in Italia
Tra i grandi classici del periodo dell’Avvento, i mercatini di Natale di Merano e dei dintorni si preparano al debutto con diverse novità. I Mercatini della città di Merano apriranno il 27 novembre e resteranno, sulla Passeggiata lungo il fiume Passirio, fino al 6 gennaio 2015. Quest’anno saranno illuminati da una “luce verde”: l’Ecoistituto Alto Adige ha, riconosciuto ai mercatini la certificazione Green Event, perché anche l’Avvento sia vissuto rispettando l’ambiente. Inoltre, in Piazza Terme i visitatori potranno cenare all’interno di gigantesche sfere natalizie, gustando le specialità altoatesine.  Un’altra iniziativa originale è la Foresta natalizia del famoso birrificio Forst di Lagundo, che aprirà dal 26 novembre fino al 6 gennaio, mentre il Felsenkeller, il posto dove nelle antiche cantine nel 19° secolo erano conservati i blocchi di ghiaccio per il raffreddamento del mosto, accoglierà gli ospiti da giovedì a domenica, dalle 10 alle 22. Altro appuntamento classicissimo della stagione, è Polvere di Stelle, a Lana, dal 29 novembre: in scena autentico artigianato sudtirolese, alberi addobbati con sfere rosse di vetro, specialità locali. La formula già rodatissima, però, continua a piacere, come rivelano i numeri: “Lo scorso anno i visitatori sono stati 300.000” fa sapere Merano Marketing. “Di questi, circa l’80% proviene dall’Italia mentre per il restante 20% da paesi di area tedesca (Germania, Austria, Svizzera in primis. Sono arrivati in tutto circa 2.600 camper durante tutto il periodo e circa 700 bus turistici. Per quest’anno prevediamo un piccolo aumento dei visitatori, soprattutto del pubblico di lingua tedesca proveniente dalla Svizzera”.

Manca poco anche all’apertura di due tradizionalissimi mercatini trentini, in Valsugana: il primo a partire sarà “Perzenland e la Valle Incantata”, il Mercatino di Natale di Pergine Valsugana che debutterà sabato 15 novembre nel centro storico della località, alle porte della caratteristica Valle dei Mocheni. Anche per il 2014 il filo conduttore dell’evento sarà quello delle “minoranze linguistiche” e la seconda edizione della rassegna internazionale “Mondi Invisibili” si concentrerà in particolare sul tema delle leggende e delle fiabe. Poi sarà la volta del Mercatino di Natale di Levico Terme, inserito nella cornice naturale davvero unica del secolare Parco degli Asburgo, che aprirà invece sabato 22 novembre. Le caratteristiche casette natalizie, con l’esposizione di oggetti curiosi e prodotti saporiti del territorio, saranno dislocate lungo i viali del grande parco e il ricco programma di intrattenimento sarà contraddistinto da momenti musicali e da feste gastronomiche all’insegna di polenta e formaggi di malga.

Anche il Friuli Venezia Giulia non vuole essere da meno in fatto di atmosfera e tipicità: fra i tanti, uno dei più caratteristici eventi è il Mercatino di Natale a Sauris, in Carnia, che per tre giorni – dal 6 all’8 dicembre – trasforma l’intera frazione di Sauris di Sopra in un incantevole “paese del Natale”. Tradizionali bancarelle esporranno i più tipici oggetti in legno, ferro battuto, paglia, ceramica, lana cotta e feltro dell’artigianato carnico, addobbi natalizi, sculture e giocattoli in legno, lavori a maglia, tante idee regalo e prodotti della gastronomia locale, come il prosciutto crudo leggermente affumicato per il quale Sauris è conosciuta dai gourmet, la birra di Sauris, le ricotte affumicate, i formaggi di malga, i mieli di montagna, i dolci natalizi.

La magia del Natale è a Nord
Inaugurazione fissata il 26 novembre per il Mercato di Natale di Francoforte. La città tedesca si presenta all’Avvento davvero in “grande”: un albero di Natale di 30 metri, 200 casette tra artigianato artistico, originali idee regalo e golosità locali, un emporio del miele, vino di mele caldo, un concerto di 50 campane e una cornice unica tra antico e moderno. Per godersi appieno il clima natalizio, l’ufficio del turismo della città propone un pacchetto soggiorno valido per un fine settimana. L’offerta comprende uno o due pernottamenti con colazione in hotel a scelta, un buono per una tazza del mercato, un Bratwurst, un bicchiere di vin brulé e un Bethmännchen, una Frankfurt Card per l’uso gratuito dei mezzi pubblici e materiale informativo a partire da 61 euro per persona in camera doppia per un pernottamento e da 97 euro per persona in camera doppia per due notti.

Risponde subito un’altra città tedesca, Düsseldorf, con ben sei mercatini diversi dal 20 novembre al 23 dicembre. Tantissime le attività per grandi bambini, circondati dal profumo di zenzero e cannella. La visita ai mercatini di Natale inizia nella Marktplatz, o piazza del mercato, dove le bancarelle fanno da corona alla statua a cavallo del principe elettore Jan Wellem. Düsseldorf Marketing & Tourismus, l’ente di promozione turistica cittadino, propone un pacchetto di soggiorno per i Mercatini di Natale che include una notte in hotel in camera doppia con prima colazione, la Düsseldorf Card (che offre ingresso gratuito o sconti per ulteriori musei, attrazioni e la rete di trasporto pubblico cittadina), kit informazioni sulla città con tariffe a partire da 60€ a persona.

E in Austria, destinazione “regina” per questo tipo di appuntamenti? Non c’è che l’imbarazzo della scelta, ovviamente. Da Vienna, dove da metà novembre diversi mercatini si sviluppano in varie piazze e zone della città, fra scenografie imperiali, a Salisburgo, dove si svolge il celeberrimo Mercato di Gesù Bambino, nelle piazze del Duomo e della Residenza. È il più grande e più antico di Salisburgo: le sue origini risalgono al lontano 1491. Oggigiorno attira ogni anno circa 1 milione di visitatori provenienti dal mondo intero, pur mantenendo le sue caratteristiche locali: infatti la metà dei visitatori e quasi tutti gli espositori ed i loro collaboratori, provengono dalla città e dalla regione di Salisburgo. Quest’anno il Mercato di Gesù Bambino di Salisburgo si terrà dal 20 novembre al 26 dicembre. Ma altrettanto charmant sono il Mercato di Natale nella Piazza Mirabell, che si tiene ogni giorno, dal 20 novembre al 24 dicembre 2014, davanti al Castello Mirabell, il mercato ospitato intorno al Castello di Hellbrunn e l’Avvento sulla Fortezza, un suggestivo mercato che si tiene nel cortile della Fortezza Hohensalzburg ogni venerdì, sabato e domenica dell’Avvento, e anche l’8 dicembre. E poi ci sono tanti altri appuntamenti, più piccoli ma non per questo meno caratteristici, come i mercatini delle località tirolesi, Innsbruck in testa, quelli delle piccole città storiche o ancora le casette ospitate nei centri delle piccole città storiche. E  i nostri connazionali amano il Natale austriaco, come confermano da Austria Turismo: “Pur non potendo monitorare in termini numerici i visitatori ai mercatini (dove non è previsto un “ingresso”), vediamo dalle statistiche che i mercatini attirano i visitatori. In particolare, nel 2013 i pernottamenti italiani nel mese di dicembre sono stati il 9,8 % del totale annuo (2.778.000). Dicembre risulta quindi dopo agosto (35,9%) e alla pari con luglio (9,8%) al secondo posto dei mesi preferiti dei viaggiatori italiani in Austria, e il merito è in gran parte dei mercatini dell’Avvento”.

Della stessa opinione sono anche i commenti dell’Ente del Turismo Danese VisitDenmark: “Nel mese di dicembre 2013 abbiamo avuto 22.880 pernottamenti di italiani, contro i 17.460 di novembre e i 16.241 di gennaio. Evidente che l’appeal dei mercatini e dell’atmosfera natalizia che si respira in Danimarca contribuisce a questo ‘balzo’ sul numero dei pernottamenti”. Anche qui, l’offerta a tema è vastissima, così che ogni target trova il mercatino “su misura”. Per i più romantici castelli e manieri aprono le proprie porte allo spirito natalizio, mentre a Odense si può vivere un Natale da favola ispirato allo scrittore H.C.Andersen. Per un tuffo nel passato da non perdere i dolcetti fatti come una volta dal panettiere di Den Gamle By a Århus e il Natale di Peter a Ribe. Oppure si può salire su uno dei treni d’epoca che durante il periodo natalizio portano nei boschi per scegliere il proprio, personalissimo albero di Natale. Senza ovviamente trascurare Copenhagen, che per l’Avvento si accende di luci, colori e addobbi: nella capitale, il mercatino più amato – da abitanti e turisti – è quello del parco di Tivoli: quest’anno, le sue bancarelle di golosità e divertimenti saranno aperte dal 15 novembre al 4 gennaio. L’annuale Crazy Christmas Cabaret Show sarà invece in scena a partire dall’5 novembre nella Glassalen del Tivoli – il titolo di quest’anno è One-eyed Willy and the Quest for the Big Chest. Ma anche Nyhavn, la zona dei canali dove visse per diversi anni Hans Christian Andersen, ospita un mercato natalizio dal 14 novembre al 22 dicembre, dove curiosare tra le bancarelle alla ricerca di regalini, frittelle di mele, gløgg e altre specialità

Ultime notizie

Guai in vista per Uber a Londra: a maggio scorso la licenza di trasporto era stata rinnovata per soli 4 mesi anziché 5 anni,...
Tap Portugal

Dal prossimo 30 ottobre TAP Air Portugal, vettore portoghese membro di Star Alliance, amplia ulteriormente la propria offerta con l’inaugurazione di una nuova destinazione:...

Media Partnership