PrandtlPlane, l’Università di Pisa progetta l’aereo del futuro

PrandtlPlane, l’Università di Pisa progetta l’aereo del futuro

prandtlplane
PrandtlPlane (foto Wikipedia), il progetto in fase di sviluppo all'Università di Pisa

L’Università di Pisa sviluppa l’aereo del futuro. Con il progetto di ricerca Parsifal, finanziato con 3 milioni di euro dall’Unione europea, l’ateneo toscano punta a realizzare il PrandtlPlane (PrP), il velivolo innovativo il cui nome rende omaggio al padre dell’aerodinamica Ludwig Prandtl. “Nei prossimi due decenni si prevede che il numero dei passeggeri raddoppierà rispetto a oggi e, nello stesso tempo, sarà possibile solo una limitata espansione delle aree aeroportuali, specialmente in Europa”, spiega Aldo Frediani, coordinatore di Parsifal Frediani. E tra le sfide dell’ateneo pisano c’è appunto quella di progettare un aereo che possa soddisfare l’incremento di traffico di passeggeri e allo stesso tempo ridurre emissioni nocive e rumore, garantendo elevati livelli di sicurezza e comfort del volo.

Oltre a PrandtlPlane le configurazioni candidate per l’aviazione del futuro sono Blended Wing Body (BWB) e Truss Braced Wings (TBW). Entrambe presentano vantaggi e svantaggi, ma solo la configurazione PrP ha la proprietà di poter disegnare aeroplani con apertura alare limitata, elevato carico utile ed elevata efficienza, riporta Askanews.

“L’obiettivo principale del nostro progetto – continua Frediani – è studiare un velivolo con la stessa apertura alare di un Airbus A320 o Boeing B737 che abbia le stesse capacità di carico di un aereo di categoria superiore, come un Airbus 330 o un Boeing 767, e il consumo di carburante dei velivoli più piccoli. Tutto questo grazie alla configurazione alare PrP”.

Un ulteriore scopo del progetto Parsifal è quello di sviluppare metodi che consentano di verificare la possibilità di applicare la configurazione PrP a velivoli di ogni dimensione e capacità di carico, tra cui gli Ultralarge, ovvero molto più grandi dell’Airbus A380, il velivolo con le massime dimensioni in pianta (80×80 metri).

Ultime notizie

Con la proliferazione di nuove tecnologie e l’evoluzione delle esigenze e delle aspettative dei viaggiatori d’affari, i travel manager hanno difficoltà a gestire programmi...

Franco Gattinoni ieri ha abbandonato il suo tradizionale aplomb e ha convocato una conferenza stampa per smentire con maggiore forza le notizie che, secondo...

Media Partnership