Una guida culturale per istruire i turisti a capire a fondo Rio De Janeiro e la filosofia di vita dei suoi abitanti.

Si chiama THINK RIO, è acquistabile su Amazon, nonché a disposizione nelle librerie e nei maggiori alberghi di Rio de Janeiro. 470 pagine sul modo di vivere dei cittadini di Rio: l’anima della città raccontata attraverso la vita di tutti i giorni, canzoni e note di folklore legate a leggende, festival e piatti popolari. Un libro dedicato anche a oltre 300 espressioni comuni e a 1000 proverbi, con traduzione e spiegazione.

Sviluppato da un gruppo di scrittori e ricercatori Brasiliani, Americani ed Europei, il libro è scritto in inglese, e spiega molti aspetti del modo di vivere locale in una maniera semplice e facile da afferrare.

Altra nota distintiva che rende la guida diversa da ogni altra, sono i suggerimenti dati ai turisti su comportamenti da tenere quando si va in spiaggia, al ristorante, nei locali notturni, quando si visitano le favelas o si è in città per fare business.

Qualche esempio? Nelle spiagge di Rio non si portano asciugamani e a sdraiarsi al sole sono solo le donne. Gli uomini sono sempre in piedi, al massimo seduti, ma mai sdraiati. Non esistono sdraio, ma sedie messe in circolo perché la spiaggia è considerata un posto dove socializzare, non dove isolarsi con musica e cellulari.

Consigli di buon senso e buona educazione per quando si visitano le favelas come non presentarsi con macchine fotografiche di lusso, evitare di fotografare aspetti problematici della favela, fare poche foto e chiedere sempre il permesso prima di scattare.

Esistono degli argomenti che è sempre meglio evitare. Fra i tanti, i brasiliani hanno una rivalità famosa e molto accesa con gli argentini, ma solo loro possono permettersi di parlarne male, se lo fa uno straniero non verrà visto di buon occhio.

Consigli anche legati al business e al centro della città. Bisogna essere un po’ flessibili sugli orari, evitare di presentarsi nei distretti commerciali in tenuta da mare, magari con i sandali ed evitare accostamenti pacchiani che rimandino alla bandiera del brasile del tipo giacche verdi e cravatte gialle.

Suggerimenti non solo legati al comportamento ma anche per capire a fondo lo spirito amichevole e ottimista degli abitanti di Rio che al ristorante chiamano il cameriere “fratello” o “campione,” e per i quali la parola “no,” quasi non esiste: un prodotto non è mai “indisponibile,” ma “arriverà a giorni.”

Il libro è fornito di decine di QR Code che rimandano al contenuto digitale di ILoverRio.com, guida online da 25mila pagine corredate di migliaia di foto originali.

 

 

Ultime notizie

Lo scorso 16 novembre ha aperto un nuovo resort, il C Palmar Mauritius: si tratta di un nuovo Boutique resort dallo stile bohemien-chic, inserito...

«Siamo ‘les Collectionneurs’. Ha inizio un nuovo capitolo, che pone definitivamente al centro del nostro impegno il rapporto tra viaggiatore e professionista. Attenzione all’altro,...

Media Partnership