Puglia, 300 milioni per il turismo

Puglia, 300 milioni per il turismo

Piazza Sant'Oronzo a Lecce
Piazza Sant'Oronzo a Lecce

La Puglia stanzia 300 milioni per il turismo, e sono già 338 le richieste di investimenti ammesse a finanziamento dalla Regione. I 338 nuovi progetti, dal costo complessivo appunto di 300 milioni di euro, saranno parzialmente finanziati con i fondi del Pia turismo, i Programmi integrati di agevolazione, e in totale il finanziamento agevolato concesso dalla Regione corrisponde a 119 milioni di euro. In Puglia gli introiti derivati dal settore turistico sono sempre più elevati, da qui la scelta di incentivare nuove iniziative nel settore, investendo risorse pubbliche.

Delle 338 domande arrivate agli uffici di Puglia Sviluppo, che gestisce gli strumenti di incentivazione in qualità di soggetto intermedio, l’ultima riguarda il disciplinare per il Pia Turismo del ciclo 2014-2020. Con questo progetto sorgerà a Lecce un albergo a sei piani di 59 camere, con centro benessere e area per ricevimenti e conferenze. Si tratta del secondo progetto dopo quello di Bianco Palace Hotel di Gallipoli, sottoscritto a settembre per circa 3,6 milioni di investimento.

“La domanda turistica è un potente motore economico perché alimenta l’offerta che a sua volta cresce stimolata dalle agevolazioni regionali”, commenta Loredana Capone, assessore allo Sviluppo economico. E uno dei pregi di questi strumenti di incentivazione è “movimentare lo sviluppo senza distruggere ambienti e scenari ormai universalmente riconosciuti come tra i più suggestivi al mondo”, continua Capone. In questo modo la Regione Puglia “contribuisce a realizzare strutture di ricezione che conciliano piacere e affari per 365 giorni all’anno”, spiega l’assessore. Oltre a fornire migliori servizi per i turisti i progetti serviranno anche a creare occupazione sul territorio. “Tra vecchi e nuovi occupati – aggiunge Capone – raggiungeremo le 3600 unità”. E nei piani della Regione c’è il recupero del triplo di quanto investito, in un settore che non sembra conoscere crisi. “In un arco di tempo inferiore a due anni abbiamo già superato, per più di 30 milioni di euro il valore dei progetti di Pia turismo e Titolo II turismo della passata programmazione, che pure movimentarono più di 269 milioni di investimenti”.

Ultime notizie

Con la proliferazione di nuove tecnologie e l’evoluzione delle esigenze e delle aspettative dei viaggiatori d’affari, i travel manager hanno difficoltà a gestire programmi...

Franco Gattinoni ieri ha abbandonato il suo tradizionale aplomb e ha convocato una conferenza stampa per smentire con maggiore forza le notizie che, secondo...

Media Partnership