HRS, in occasione dell’evento annuale Corporate Travel Forum, ha presentato i risultati della ricerca “Outsourcing del processo di Travel: come evolvono le competenze dei Travel Manager” che mette in evidenza come si evolverà l’outsourcing del business travel e come di conseguenza dovranno cambiare gli skill dei travel manager.

Il ruolo del Travel Manager

La ricerca si suddivide in due parti: una qualitativa con interviste ai CPO (Chief Procurement Officer) e una parte quantitativa sui TM (Travel Manager) di aziende strutturate e con ampio budget gestito.

I risultati dei due studi mettono subito in evidenza come siano differenti i punti di vista dei Chief Procurement Officer rispetto ai Travel Manager. Se infatti i primi ritengono che la conoscenza della travel industry e il coordinamento delle funzioni aziendali seguite da skill operativi siano le competenze principali che dovrebbero avere oggi i TM, quest’ultimi ritengono invece che le loro skill fondamentali siano la capacità di problem solving seguito dal coordinamento delle differenti azioni aziendali e la conoscenza tecnologica del travel.

La ricerca ha inoltre indagato su quelle che dovrebbero essere le competenze dei TM in futuro e si conferma la stessa discrepanza tra i due gruppi intervistati: i CPO prevedono che entro il 2020 i TM dovranno principalmente gestire il coordinamento interfunzionale, migliorare le conoscenze tecnologiche e le abilità di data analytics. Mentre i TM credono che nel prossimo futuro le competenze più importanti per il loro ruolo dovranno essere: mentalità innovativa, esperienza nella gestione dei cambiamenti e conoscenza della tecnologia travel.

Outsourcing nei processi alberghieri

HRS ha anche chiesto in che modo i Travel Manager negoziano le tariffe alberghiere della propria azienda.
Il 41,4% degli intervistati dichiara di negoziarle direttamente attraverso un processo interno tradizionale, il 23,4% con etool aziendali (58,3%in Italia, l’utilizzo di supporto informatico è doppio rispetto al resto del mondo), il 30,6% tramite outsourcing parziale e solo il 4,6% dichiara di negoziare le tariffe tramite outsourcing totale.

Più in generale nel business travel il 52,5% dei Travel Manager dichiara di non utilizzare ancora l’outsourcing, dato che sale vertiginosamente se estrapoliamo solo i dati italiani con la percentuale che sale all’85,7%.

Come viene valutato un Travel Manager

La capacità di attuare risparmi diretti grazie alla negoziazione con gli hotel è per il 33% l’indicatore più importante per la valutazione del TM, seguito dalla realizzazione di risparmi indiretti con l’ottimizzazione dei processi (22%) e la soddisfazione del viaggiatore per il 20%.

Diventa così fondamentale per i Travel Manager non solo migliorare la soddisfazione dei viaggiatori, ma anche individuare – e quindi ridurre – i costi nascosti e ottimizzare i processi che incrementano la produttività così da essere maggiormente valorizzati.

Ultime notizie

Nonostante le vicende che negli ultimi mesi hanno rischiato di decretarne la chiusura in Italia, il business di Flixbus continua a crescere: quest'anno gli...
Ryanair

Ryanair ha annunciato l’ampliamento dei voli in coincidenza dall’aeroporto di Milano Bergamo, il servizio lanciato il 3 luglio scorso. 25 rotte in piú tra cui...

Media Partnership