Si chiude a tempo di record la trattativa per l’acquisto di Air Berlin da parte di Lufthansa, dopo che la società della capitale tedesca ha dichiarato fallimento il 15 agosto scorso.

A meno di due mesi, infatti, Lufthansa ha chiuso l’acquisizione degli asset a cui era interessata a un ottimo prezzo: 210 milioni per rilevare 81 aerei e circa 3000 dipendenti su un totale di 144 velivoli e 8500 risorse umane. Passa al vettore tedesco anche la compagnia Niki e il suo partner regionale LG Walter. Trattative aperte sugli altri asset tra cui gli slot dagli aeroporti di Berlino Tegel e di Dusseldorf, su cui però è in lizza anche Easyjet.

L’accordo permette ad Air Berlin di rimborsare il prestito di 150 milioni del governo tedesco e chiudere le pendenze societarie e a Lufthansa di rafforzarsi con nuove risorse a prezzo di saldo, come aveva predetto Ryanair. Ora la società tedesca può guardare con interesse anche ad Alitalia per la quale scadranno a breve i termini per la presentazione delle offerte vincolanti.

Domenico è giornalista e consulente in web marketing nei settori del turismo, dell'enogastronomia e dell'organizzazione di eventi. Iscritto all'Odg dal 2001, è editor di Webitmag - web in travel magazine da aprile 2015. Laureato in economia aziendale in Bocconi, è stato web project manager di alcune delle più importanti manifestazioni in Italia su turismo e meeting industry

Ultime notizie

L'autunno è arrivato e con i primi freddi è giunta anche l'annunciata chiusura dell'acquisizione di Blue Panorama da parte di Uvet, una novità che...

Per ogni ospite sorridente, c’è sempre un professionista dietro le quinte che ha reso il suo soggiorno indimenticabile magari adoperandosi per fare qualcosa che andava...

Media Partnership