Sardegna, gli stranieri la scelgono “solo” per mare e spiagge

Sardegna, gli stranieri la scelgono “solo” per mare e spiagge

Sardegna
Sardegna

Gli stranieri scelgono la Sardegna “solo” per il mare e le spiagge. Da uno studio della Cna, la Confederazione degli artigiani, risulta infatti che il 74%o dei turisti stranieri sceglie la Sardegna per il sole, il mare e le spiagge, mentre solo l’8% è attratto dalle sue bellezze artistiche, culturali o archeologiche. Un dato drammatico, riporta una fonte Cna, “se si compara con il 54% dei turisti internazionali attratti dal patrimonio artistico della Sicilia, il 34% della Calabria o il 30% della Puglia”. Nonostante la teorica volontà di destagionalizzare l’offerta turistica, la Sardegna non riesce quindi a superare lo stereotipo di destinazione balneare, e certo non per la mancanza di siti culturali, le decine di migliaia di siti archeologici e parchi minerari, i musei o l’arte e un artigianato unico in Europa.

Se in dieci anni l’Isola ha visto un aumento di quasi 15 punti percentuali in termini di arrivi nelle strutture ricettive, passando dal 32% del 2006 al 46% del 2015, nel 2015 il 61% delle presenze nazionali si è concentrato a luglio e agosto e il 31% nei mesi di spalla, mentre il 56% dei turisti stranieri è arrivato nei mesi di spalla e il 44% in alta stagione (ultimi dati Istat). Il 10% dei turisti stranieri poi (circa 50 mila nel 2016) ha visitato l’Isola per una vacanza enogastronomica, il 6% lo ha fatto per salute, viaggi di nozze o motivi religiosi, mentre il 2% per praticare uno sport. Manca invece quasi del tutto un turismo fieristico e congressuale di livello internazionale.

Quanto a spesa, rileva la Cna, i turisti stranieri si limitano al solo viaggio, vitto e alloggio. In rapporto ad altre regioni la spesa degli stranieri è infatti molto ridotta per le attività dell’indotto turistico, pari a meno del 30%, e distribuita fra ristorazione esterna alle strutture (15%), shopping (8,4%) e appena il 5% per cultura, escursioni, musei, spettacoli e noleggi. Per quanto riguarda la distribuzione dei visitatori stranieri all’interno delle diverse tipologie di alloggio, il 44% sceglie alberghi, villaggi o resort. E quanto a permanenza media, nel 2016 (dati Banca d’Italia) è stata pari a circa 10 notti, con una spesa pro-capite intorno ai 910 euro (escluse le spese di viaggio).

Ultime notizie

Bar e ristoranti si confermano il volano della ripresa dei consumi delle famiglie italiane. Questa una delle principali evidenze emerse dall'ultimo Rapporto Ristorazione della Fipe...
Airbnb

Dura replica di Airbnb alla notizia che l’Aula del Pirellone ha approvato il 17 gennaio scorso la legge che introduce il Codice Identificativo di...

Media Partnership