Striscia La Notizia torna a mettere in guardia gli albergatori e i ristoratori dalle agenzie che propongono “pacchetti” per scalare le classifiche di TripAdvisor a suon di recensioni positive, una piaga che da qualche anno avvelena la concorrenza nel settore hospitality.

Striscia ha contattato una di queste agenzie e registrato la telefonata: dall’altro capo del filo ovviamente non si presentano come autori di recensioni false ma spiegano di avere a disposizione gruppi di persone che vengono invitate a visitare un determinato ristorante e a lasciare una recensione il più positiva possibile fino al raggiungimento del risultato mensile proposto nel pacchetto acquistato. Un sistema che viola in ogni caso i termini di TripAdvisor ma che sembra in grado di ingannare il sito e i lettori.

Non è però di questo avviso  la portavoce di TripAdvisor per l’Italia, Valentina Quattro, che intervistata da Striscia spiega che accettare una di queste proposte è molto rischioso per la propria attività. “Questo perché – prosegue la portavoce, dopo essere stata interrotta da una pausa pubblicitaria –  Abbiamo i nostri filtri automatici che sono molto sofisticati, sono i migliori che esistono oggi al mondo e controllano vari attributi relativi al recensore e quando li becchiamo i locali rischiano di rovinare la loro reputazione in molti modi, dal marchio con un bollino rosso alla perdita di posizioni in classifica, con la conseguenza di perdere clienti”.

Una cosa certa è che se oggi i “filtri migliori al mondo” non riescono sempre ad agire prima della pubblicazione, probabilmente ci sono ulteriori margini di perfezionamento.

Di seguito il servizio trasmesso a Striscia la Notizia

Ultime notizie

Alitalia

I Commissari Straordinari di Alitalia nel corso dell’audizione del 22 novembre presso la Camera dei Deputati hanno illustrato l’andamento della gestione commissariale nel periodo ricompreso...
TripAdvisor

La cucina italiana gode di ottima salute ed è apprezzata sia dai viaggiatori stranieri in visita nel nostro paese sia dagli italiani stessi. È...

Media Partnership