Dal 22 al 26 settembre si tiene a Torino la ventesima edizione di Terra Madre Salone del Gusto. Un’edizione speciale a cui è stata concessa come palcoscenico l’intera città con alcuni tra i luoghi più belli e celebri di Torino: il Parco del Valentino, con il Borgo Medievale, vero cuore dell’appuntamento e cornice storica di eventi internazionali, il Palazzo Reale, il Teatro Carignano, il Circolo dei Lettori e la Reggia di Venaria Reale.
Il tema scelto per la manifestazione è “Voler bene alla terra” per sottolineare la centralità del mangiare e bere sano, e l’importanza dei prodotti genuini e a chilometri zero.

Organizzato da Slow Food, Regione Piemonte e Comune di Torino avrà oltre un migliaio di espositori provenienti dai cinque continenti e distribuiti nell’area di oltre 12mila metri quadri del Valentino e gli ulteriori 3000 metri quadri del centro di Torino. I 935 eventi in programma, tra cui 60 laboratori del gusto e 90 appuntamenti su prenotazione danno l’idea di come siano state fatte le cose in grande per creare una grande vetrina per l’enogastronomia. Non solo quella italiana, ma anche quella legata ai viaggi, con espositori provenienti da oltre 100 Paesi.

Ne è un esempio il Perù che ha scelto proprio la vetrina torinese per promuoversi con un gruppo di produttori del progetto AL TURISTA LO NUESTRO, creato dal Ministero del Commercio Estero e del Turismo del Perù. Si tratta di un programma di turismo responsabile che coinvolge 8 aree del paese, le più conosciute dai visitatori internazionali. Presenti al Salone alcuni produttori dalle regioni di Arequipa, Cuzco e Puno, inseriti nella filiera de turismo come fornitori di hotel e ristoranti o nella vendita diretta dei prodotti ai visitatori.

Sul tema dello Slow Travel si è mossa la regione Sicilia che ogni giorno della manifestazione, presso il suo stand in Piazza Castello, promuove un workshop su cibo, salute e biodiversità, presentando una serie di progetti, il più significativo dei quali è la presentazione di una mappa siciliana con 30 itinerari in cui saranno abbinati i beni paesaggistici e storico architettonici ai Presìdi Slow Food e alle comunità del cibo siciliani.
Qui il programma completo: http://www.salonedelgusto.com/it/140821evento/?ev=1063

E “Slow travel” è anche il nome del progetto realizzato da Slow Food e che sarà presentato il 24 settembre alle 13.30 presso il Parco del Valentino sul tema “Il viaggio secondo Slow Food”, dedicato al turismo sostenibile per scoprire prodotti, luoghi di produzione e paesaggi, a contatto diretto con i produttori, i cuochi e gli osti che li valorizzano.

La kermesse è anche un’occasione di promozione e visibilità per tutte le aziende partecipanti: a Torino sono attese un milione di persone nei 5 giorni della manifestazione, mettendo a dura prova i trasporti e la logistica cittadina. Per questo molte aziende si stanno attrezzando con operazioni di Street marketing per attirare l’attenzione dei visitatori. Vi segnaliamo ad esempio quella di e-heres, e-commerce di vini, che su Facebook e sul proprio sito invita il pubblico a cercare il proprio braccialetto per le strade di Torino per accedere a una promozione speciale.

Potete trovare maggiori informazioni, sull’evento, il programma completo e la mappa del Salone del Gusto sul sito ufficiale http://www.salonedelgusto.com/

 

Ultime notizie

Four Seasons Hotels and Resorts, in collaborazione con Finchatton Ltd, società internazionale di progettazione e sviluppo di residenze di alto livello, si appresta a...

HRS, global hotel solutions provider leader per i viaggi d’affari, ha annunciato la nomina di Mariaanna Peroncelli quale nuovo Head of MICE Italy and Spain .Dopo una laurea...

Media Partnership