Trivago ha acquisito la startup tedesca Tripl, società basata ad Amburgo e proprietaria di una piattaforma di intelligenza artificiale che analizza le attività sui social media dei suoi iscritti per raccomandare viaggi, itinerari e offerte di terze parti quali appunto quelle degli hotel.

La mossa del metasearch di casa Expedia rientra nella strategia volta a personalizzare sempre di più l’esperienza di ricerca dei suoi utenti.

Il Cfo di Trivago, Axel Hefer ha infatti dichiarato: “L’intelligenza artificial è un tema su cui non abbiamo sviluppato nessuna esperienza e questa acquisizione ci permette di integrare le competenze necessarie in questo ambito”:

Tripl è stata lanciata a luglio 2015 da Hendril KleinWachter ed è cresciuta molto rapidamente. Con l’acquisizione la piattaforma è stata chiusa e il fondatore è entrato nel team di Trivago dedicato alla “User profiling”. Dell’esperienza di Tripl rimane l’home page che annuncia la migrazione in Trivago e la cospicua somma di acquisto che non è stata resa nota.

Hefer non ha spiegato cosa ha in mente Trivago, limitandosi a dichiarare che ogni dato aggiuntivo in loro possesso aiuta a migliorare l’algoritmo di ricerca.

Sulla home di Tripl si spiega che il loro obiettivo sarà quello di dare raccomandazioni personalizzate a ogni viaggiatore sull’hotel ideale.

Si potrebbe però anche ipotizzare che Trivago stia cercando di andare oltre quella che è la sua ricerca principale e proporre, magari, attività da fare una volta arrivati in hotel.

Ultime notizie

VOI Grand Hotel Atlantis Bay

Per il terzo anno consecutivo, la catena italiana VOIhotels si aggiudica il premio Italy's Leading Lifestyle Hotel ai World Travel Awards 2017: in quest’ultima...

Dal 1° dicembre 2017 Mariolina Longoni si occuperà della gestione e delle media relation trade per Costa Crociere, sotto la direzione Sales & Marketing Italia della...

Media Partnership