Nuovo sistema tariffario per le Gallerie degli Uffizi, il sistema museale che comprende le tre location del museo degli Uffizi, di Palazzo Pitti e del giardino di Boboli. Presentato a Firenze, entrerà in vigore dal 1° marzo 2018. Il sistema è stato fortemente voluto dal nuovo direttore Eike Schmidt e prevede, oltre a un aumento generalizzato del costo di ingresso anche una suddivisione tariffaria tra alta stagione (da marzo a ottobre) e bassa stagione (da novembre a febbraio)

Il prezzo dei biglietti per i musei degli Uffizi salirà quindi dagli 8 euro attuali in bassa stagione ai 12 in bassa stagione ai 20 in alta stagione.

Incluso nel biglietto ci sarà l’accesso alle mostre che oggi costa 4,50 euro di sovrapprezzo.
Resta invece la fee di 4 euro per la prenotazione dell’ingresso.

“L’idea di base, secondo Schmidt, – riporta l’Ansa – è incentivare una fruizione continuativa e approfondita dei musei, gestendo meglio i flussi sia fra le singole strutture sia fra i periodi dell’anno”

Le modifiche al sistema tariffario proseguono con Palazzo Pitti dove il biglietto costerà 10 euro in bassa stagione e 16 euro in alta, contro gli attuali 13+4,50; ma chi acquisterà il biglietto dalle 8.15 alle 9 del mattino, con ingresso fino alle 9.25, spenderà la metà. L’ingresso al giardino di Boboli infine costerà 6 euro in bassa stagione e 10 euro in alta”

Alcune novità saranno in vigore già dal 1° settembre 2017 come le tessere nominative annuali (con accesso illimitato e ingresso prioritario) a 50 euro per gli Uffizi, 35 per Palazzo Pitti e 25 euro per i giardini di Boboli. L’accesso annuale all’intero circuito delle Gallerie degli Uffizi costerà invece 70 euro.

Ultime notizie

Con la proliferazione di nuove tecnologie e l’evoluzione delle esigenze e delle aspettative dei viaggiatori d’affari, i travel manager hanno difficoltà a gestire programmi...

Franco Gattinoni ieri ha abbandonato il suo tradizionale aplomb e ha convocato una conferenza stampa per smentire con maggiore forza le notizie che, secondo...

Media Partnership